Chi siamo

LO CHEF

Lo chef Juri Risso

Da un articolo di Paolo Alpa:

I piccoli borghi sono come scrigni rari e spesso nascondono sorprese inaspettate. A Cremolino per esempio, tra le colline dell’Alto Monferrato, vive e lavora lo chef Juri Risso. Alla luce delle sue molteplici passioni pare tuttavia riduttivo definirlo semplicemente uno “chef”; ma andiamo per gradi e iniziamo a raccontare la sua storia dall’inizio.
Juri comincia a lavorare a quindici anni in un ristorante di Santo Stefano D’Aveto (GE) e a sedici anni parte per gli Stati Uniti, poi Arabia Saudita, Inghilterra e Belgio. Nel 1999 torna in Italia e diventa lo chef di un ristorante di Busalla; di questa sua esperienza Juri ricorda di “aver cominciato a giocare con la cucina, così come un musicista fa con la sua chitarra”.
Il suo riferimento a questo strumento musicale non è lasciato al caso, infatti durante tutti questi anni Juri non smette mai di seguire un’altra sua grande passione: la musica. Lo chef suona la chitarra classica da sempre, “ma con scarsi risultati” ironizza lui. La verità è che la sua passione è così forte da spingerlo a realizzare le chitarre che poi adora suonare.
Sono ormai cinque anni che Juri si diletta nella sua passione per la liuteria e ad oggi ha realizzato ben quindici chitarre con le quali talvolta di esibisce per allietare i clienti del suo ristorante. Non è raro infatti che a fine servizio gruppetti di ospiti curiosi reclamino una piccola esibizione per concludere in bellezza un pranzo o una cena.
Pur essendo liutaio per passione Juri presta molta attenzione ai materiali con i quali assemblare le sue creazioni. Spesso i legni da lui impiegati sono molto ricercati, come ad esempio lo zebrano, l’amaranto, l’abete della Val di Fiemme, il mogano kaya, la cedrella odorosa o il palissandro indiano.

Uno chef chitarrista e liutaio non è cosa di tutti i giorni, certo, ma le curiosità sul suo conto non sono finite. Dal 2000 al 2009 lo chef ha fatto parte del cast del programma di Rai 1 “La Prova del Cuoco” condotto da Antonella Clerici, dove ha imparato a confrontarsi con le telecamere e le regole della televisione.
Uno chef chitarrista e liutaio non è cosa di tutti i giorni, certo, ma le curiosità sul suo conto non sono finite. Dal 2000 al 2009 lo chef ha fatto parte del cast del programma di Rai 1 “La Prova del Cuoco” condotto da Antonella Clerici, dove ha imparato a confrontarsi con le telecamere e le regole della televisione.
Proprio durante la sua avventura televisiva Juri ha chiesto alla sua ragazza Simona di sposarlo in diretta nazionale, nascondendo l’anello tra gli ingredienti della gara finale durante la puntata di San Valentino. Oggi Juri e Simona sono sposati e vivono con le due figlie Aurora e Ariel presso la struttura del loro Ristorante Hotel La Bruceta di Cremolino.
Così come la sua personalità poliedrica anche la sua cucina non si risparmia in versatilità: presso il ristorante potrete infatti gustare piatti creativi, ma anche attenti alla tradizione della cucina tipica. Tra questi la panissa, lo sformatino di nocciole con crema al Castelmagno, il carpaccio di Fassone, i tagliolini al tartufo, i ravioli alla ligure, il fritto misto alla piemontese e molto altro ancora.

“Io credo che una ricetta sia solo un tema musicale, che un cuoco intelligente può suonare ogni volta con una variazione”


Pierre Benoit

LA BRUCETA

La Bruceta è il ristorante dello chef Juri Risso dal 2009. La cucina è creativa e al contempo legata alla tradizione.
Da noi troverai anche la pizzeria con forno a legna e l’area giochi per bambini.
Ambiente ideale per famiglie, gruppi d’amici ed eventi.
Ci trovi a Cremolino ad un quarto d’ora dal casello autostradale di Ovada – A26.

LA TERRAZZA

Un pranzo o una cena possono essere esperienze appaganti, ma solo una bella vista può renderle speciali…
Nella stagione più calda approfitta della nostra terrazza panoramica e goditi la vista sullo splendido castello di Cremolino.
Ideale per cene in compagnia, di coppia o per eventi.

CREMOLINO

Cremolino è un paese dalle origini antiche.
In un documento del X secolo era citato come: “Cremenna”
Inizialmente fu sotto il dominio dei Signori del Bosco. Poi attorno al 1240 cominciò la signoria dei Malaspina, che durò per due secoli.
Tra i luoghi d’interesse spiccano il castello e il Santuario della Bruceta; da quest’ultimo prende il nome il nostro ristorante.

87914

SORRISI ELARGITI

3761

BAMBINI CONTENTI

178

EVENTI E SERATE A TEMA

86

COLTELLI ARROTATI

I PIATTI STORICI

Alcuni piatti fanno parte della tradizione del nostro menu.
Come antipasto non può mancare la formaggetta di Roccaverano in pasta kataiphi croccante, mela caramellata e marmellata di cipolle.
Tra i primi i tagliolini (rigorosamente fatti da noi) al sugo di funghi e profumo di tartufo, mantecati nella forma di grana padano.
Immancabile è anche il nostro fritto misto con 4 tipi di carne, amaretto, latte dolce, mela, verdure, fegato, cervella, salsiccia e crocchette fatte in casa.
Tra i dolci ricordiamo la mousse al tiramisù e il gelato al forno: gelato alla crema con amaretto su pan di spagna, ricoperto di meringa caramellata al forno.